Per chi è di Roma, ma anche per chi non lo è, il nome basta a far spuntare un sorriso sul volto. Perché Montesano fa rima con “Febbre da Cavallo”, con sketch che hanno fatto la storia della televisione da quando era in bianco e nero, con successi teatrali come “Rugantino” e, per chi ha i capelli grigi, con quel capolavoro che fu “Bravo!”.

Eppure ultimamente Montesano sorride poco. A togliergli la voglia è la situazione in cui versa la sua amata Roma: non solo la raccolta dei rifiuti, lo stravolgimento dei quartieri del centro «dove risiedono tutti tranne i romani». L’Enrico nazionale oggi nella sua città ha paura. E la prova è nel taschino della sua giacca. Quella che spunta non è la classica sigaretta elettronica, non è una penna (magari per firmare autografi) e nemmeno un fodero per gli occhiali. «Questo è lo spray al peperoncino – spiegava giorni fa davanti a un pubblico numeroso – Perché io la sera quando torno a casa ho paura. Sì, ho paura di essere aggredito o derubato. E ne ho regalato uno uguale a mia figlia. Così ci siamo ridotti».

Esagerato? Macchè. Neanche una settimana fa e la scrittrice Dacia Maraini è stata scippata da due giovani a Monteverde alle 7 di sera mentre andava a teatro. Alla giornalista Raffaella Troili ha detto: «Penso che la città si sia incarognita, sento in giro tanta violenza nuova». Che si aspetta a intervenire? Serve un’altra testata in stile Spada a qualcuno di famoso per affrontare un problema che esiste?
fonte: ilMessaggero

brescia
Previous post

Spara al ladro e sventa il furto, la pena più pesante tocca a lui

Next post

Migliorare la sicurezza in casa utilizzando l'antifurto nebbiogeno

redazione

redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *